HO SCRITTO UN E-BOOK
Newsletter
TOP
Urbanauts Wien

I vantaggi della doccia a filo pavimento

Ormai lo sanno anche i muri che io non amo il box doccia classico. Preferisco di gran lunga la tenda doccia (vi ho già fatto una testa tanta sui vantaggi delle tende doccia) ma non si può creare un’ambientazione elegante per una tenda utilizzando un semplice piatto doccia. Sarebbe un po’ come mangiare il caviale nei piatti di plastica 🙂

In attesa di comprare e arredare la casa dei miei sogni (che secondo me non esiste, almeno su questo pianeta) metto via ispirazioni e idee nel raccoglitore del mio cervello, che ormai è strutturato tipo Pinterest. E oggi vi apro la board “doccia a filo pavimento”!

Spero che tutti questi spunti un giorno mi servano davvero O_o Per darvi un’idea mi piacerebbe avere una doccia come quella nella foto qui sopra… per ora i miei due bagni – insieme – credo siano più piccoli #macelafarò.

[foto in evidenza]

Doccia a filo pavimento: i vantaggi

 

Ok, mi aiutate ad elencare tutti i vantaggi di una doccia senza piatto doccia?  A me sono venuti in mente questi:

  • A parità di dimensioni, realizzare una doccia a filo pavimento costa meno. In effetti se volessimo ad esempio una doccia 140 x 80, o 160 x 80 (se dobbiamo sognare FAMOLO in grande) acquistare un piatto di quelle dimensioni non comporta una spesa da poco. Mentre per la doccia a filo dobbiamo acquistare solo la canalina di scarico (vi spiego dopo cos’è).
  • Non ci sono misure standard da rispettare: siii! Niente vincoli, la doccia può avere qualsiasi dimensione! Libertà!
  • Non vi sono limiti di forma: la zona doccia può assumere una sagoma qualsiasi e può essere ricavata ovunque, scarichi permettendo. Non so, volete una doccia a forma di fiore? Se pò fa’.
  • Continuità estetica. E che vuol dire? Significa che la doccia non è più una zona a sé ma può avere lo stesso rivestimento del resto del bagno. Cosa che contribuisce ad ampliare notevolmente lo spazio. Oltre ad essere più fico, diciamolo.

 

Limiti / Svantaggi

Per par condicio tocca menzionare anche questi 🙂

  • Potenzialmente una doccia a filo pavimento non ha particolari svantaggi, fatta eccezione per il fatto che va progettata in fase di costruzione o ristrutturazione dell’abitazione, perché non è (quasi mai) possibile crearla in bagni già finiti.
  • Potreste non amare il fatto di poggiare i piedi direttamente sul pavimento.
  • Credo sia superfluo sottolineare che la zona doccia deve essere perfettamente isolata per evitare infiltrazioni d’acqua.

Doccia su misura a filo pavimento

 Via | Via 

 

Come creare una doccia a filo pavimento

 
Promemoria per la casa dei miei sogni: cercare una casa con (almeno) un bagno grande Q.B. per farci stare una grande doccia.
Come vi dicevo prima per creare una doccia a filo pavimento è  necessario prevedere una canalina di scarico.

Una canalina di scarico non è altro che un elemento che sostituisce lo scarico classico di un box doccia facendo defluire l’acqua attraverso una o più fessure. Generalmente è realizzata in acciaio inox.

canalina di scarico design

Canaline di scarico di design per la doccia a filo pavimento

I modelli in commercio posso essere differenti per lunghezza e decoro della griglia. Dalla semplice griglia d’acciaio forata alla finitura vetro bianco o nero (in foto – bellissima!) alla griglia piastrellabile (la mia preferita). Nel sito di Stilebagno ad esempio ne trovate una marea e potete facilmente acquistarle online!

L’importante è che:

    1. Abbia un sifone orientabile (in modo da essere adattabile)
    2. Abbia un filtro per bloccare e raccogliere capelli o altri piccoli oggetti che possono cadere accidentalmente (io puntualmente in doccia perdo i gancetti degli orecchini)
    3. Sia ispezionabile e lavabile (la griglia superiore deve essere facilmente apribile)

 

canalina di scarico design

Dettagli tecnici delle canaline di scarico: sifone orientabile e scarico 50 mm


 

Dettagli tecnici: come installare la canalina di scarico

Per quanto riguarda l’installazione, al di là di suggerirvi di affidarvi ad un tecnico competente, tenete presente che la canalina è dotata di piedini regolabili per il perfetto allineamento a terra prima della gettata del massetto (sul quale verrà poi posato il rivestimento finale)

Ai bordi della canalina c’è poi una linguetta in acciaio inox per l’allineamento con le piastrelle (o altro tipo di rivestimento).
 

installazione canalina di scarico per la doccia

Dettagli per l’installazione di una canalina di scarico


 

Per il resto su questo punto sto ancora approfondendo e vi chiedo aiuto. Quali sono le caratteristiche (tecniche) che dovrebbe avere indispensabilmente la canalina di scarico?

Avete avuto esperienze dirette e magari avete segnalazioni o suggerimenti?

Sono tutta orecchie! Anzi, occhi 🙂

[Si ringrazia per le foto: Stilebagno | Arredo bagno online]

Mi sono sempre occupata di arredo bagno, passando dalla produzione di box doccia alla gestione di uno showroom. Oggi per lavoro scrivo, di arredo bagno e non solo, su questo e altri blog di interni. Radici napoletane, occhi da orientale e un posto nel mondo da trovare.

Comments (44)

  • Fabrizio

    Tra i vantaggi estenderei il concetto dell’estetica… non solo nella continuità, ma anche quella di creare una zona ad alto impatto scenografico, (magari utilizzando ciottoli in pietra o in ceramica, piuttosto che un elemento di pietra monolitico. Tra gli svantaggi (o limiti) c’è quello di calcolare la giusta pendenza all’esterno, per evitare l’effetto “piscina” nel resto del bagno 🙂

    reply
    • Vittorio

      Sarà ma io preferisco la mia doccia jacuzzi che è eccezionale oltre che elegante.
      La doccia a pavimento è un disastro perché se non viene costruita le dovuta pendenza verso lo scarico, si bagna tutto il bagno e anche il resto della casa, così dopo aver fatto la doccia, devi faticare per rimettere in ordine bagno e casa.

      reply
      • VeronicaZurlo@outlook.it

        Buongiorno, sto rifacendo un bagno 2 metri per 1.80 con un finestrino in alto. Il pavimento è 40 per 40 molto chiaro, un crema. Parete a destra e parete a sinistra con mattonellle 20 20 dritte bianche. Parete frontale con mattonelle pennellate blu posa a cardamone e a cestino. In fondo a destra c’ è lo spazio doccia 60 per 60 che non può essere chiuso perché non si accederebbe più al water. Quindi doccia a pavimento. Cosa possiamo usare per non perdere la pendenza della doccia? Un altro colore di mattonelle?

        reply
  • Fabrizio

    E non credere che ci vogliano grandi spazi, anzi! In collaborazione con un interior designer abbiamo ricavato un bagno minuscolo di 1×1 mt, con una doccia a filo pavimento nella quale sono stati inseriti un wc ed un lavabo inox

    reply
    • Emanuele

      Salve fabrizio. Sono rimbalzato su questo blog per caso. Lei puó fornirmi un suo contatto diretto? Vorrei realizzare un bagno secondo canoni moderni e il suo post lo rispecchia in pieno.

      reply
  • Tra i vantaggi della doccia filo pavimento vi è anche il fatto che è molto più comoda per gli anziani che fanno fatica a sollevare la gamba per entrare in doccia o per chi è costretto su una sedia a rotelle. Il fatto che sia più economico dipende veramente dalle dimensioni, perchè oltre alla canalina (che di fatto non è economica) è necessario pagare la manodopera per impermebilizzare a regola d’arte. Consiglio infatti di posare un telo che funga da barriere fisica e non limitarsi ai vari prodotti applicabili a pennello sul massetto.
    Un saluto e complimenti per l’articolo la foto scelta all’inizio è bellissima

    reply
  • Ester

    In effetti dà più ariosità ad un bagno piccolo. Ho una domanda. Ho realizzato una doccia a pavimento delimitata dal muro per 2 lati e dal separè in cristallo come terzo lato, senza porta. Il cristallo doveva essere fissato a terra con il silicone? A me l’hanno fissato solo da un lato (quello sul muro) ma non a terra. Grazie

    reply
  • Camilla

    Stavo cercando informazioni sulla doccia senza piatto e guarda un po’ dove sono capitata 😀

    reply
  • Paola Trivellini

    Salve, sto rifacendo il bagno ed anche io ho optato per una doccia senza piatto doccia ma con mattonelle in continuità , bello si ma attenzione, il lavoro prevede costi non indifferenti, una buona canalina che prevede appunto facilità di ispezione e pulizia, sifone orientabile, piedini per rispettare le pendenze e fogli abbastanza ampi da isolare i muri circostanti si aggirano attorno le 350/400 euro, ho visto cose di prezzo inferiore ma non mi hanno convinto dal punto di vista tecnico, molte hanno la vaschetta di raccolta in plastica, se cracca sono guai, poi la mano d’opera per rifare il massetto,(non si possono istallare semplicemente facendo un buco in terra e basta) costa molto di più che posare un piatto doccia, il piastrellista poi deve essere bravo per tagliare le mattonelle per la pendenza, se si usano mattonelle molto piccolenon c’è problema ma se la mattonella è grande non è semplice fare le pendenze, che devono essere fatte BENE altrimenti vi trovate l’acqua in salotto! insomma si può fare tutto ma bisogna farlo bene e a questo punto i costi lievitano.

    reply
    • Buonasera Paola,
      per risolvere i corretti problemi da Lei riscontrati, la nostra azienda RARE ha ideato l’innovativo sistema integrato piatto-cabina doccia Ad Hoc per realizzare docce a filo pavimento. Trattasi di un prodotto prefabbricato, ove il cuore è una vasca in acciaio inox a tenuta stagna già con corretta pendenza, realizzata sempre su misura e predisposta per accogliere lo spessore del materiale prescelto. La posa compete tutta ed unicamente all’idraulico che l’ installa come un comune piatto doccia. La cabina doccia, sempre fornita da RARE, viene alloggiata all’interno di apposite canaline presenti nella vasca in acciaio inox con drenaggio verso lo scarico. Ciò consente di inserire i cristalli senza silicone, lasciando il prodotto inalterato nel tempo. Per maggiori informazioni consiglio il nostro sito http://www.raresistemidoccia.com.
      A disposizione per qualsiasi chiarimento, cordiali saluti.
      Pietro Ravazzani

      reply
  • lorella

    è vero che se in doccia vengono posate mattonelle dello stesso tipo del pavimento saranno scivolose?
    mentre se viene posato il mosaico tipo bisazza non lo sarà?
    oppure mi stanno raccontando delle frottole visto che hanno sbagliato 2 volte la posa e quindi è più problematico posare
    la mattonella e creare continuità? grazie

    reply
  • Ester

    Per la verità credo che con le mattonelle si presenti la difficoltà di non riuscire a creare la giusta pendenza verso lo scarico. Inoltre, se le mattonelle sono lisce possono sicuramente risultare scivolose e… pericolose. Il mosaico, essendo fatto di pezzetti più piccoli, consente di dare la forma di imbuto (appena accennato) all’area della doccia cosicché l’acqua possa liberamente defluire. Inoltre sul mosaico non si scivola (esperienza diretta)

    reply
  • Ciao a tutti. Proprio in questi giorni sono iniziati i lavori per creare il mio sogno. Il bagno tutto in travertino con doccia da 200×80 a filo pavimento. Il piatto doccia è un unica lastra in travertino che verrà rettificata con una pendenza verso la piletta in modo tale che l’acqua scoli il più possibile. La particolarità del travertino sono i fori ma il piatto verrà reso liscio e antiscivolo. Ugualmente anche tutto il pavimento mentre le pareti verranno lasciate al naturale.
    La piletta prevede un isolamento con tappetino abbastanza grande ma per sicurezza la doccia verrà isolata sia sotto il piatto doccia e su tutte le pareti con il mapelastic. Il marmista farà un intaglio sulla lastra per ospitare il cristallo da 8mm e stiamo pensando di mettere proprio nel bordo sotto il cristallo un filo di silicone, secondo voi è sufficiente?

    reply
      • Laura francesca

        Grazie Simona per la tua risposta!!

        reply
  • Chiedo scusa per il disturbo, do un consiglio a Laura, esistono delle guarnizioni da inserire dentro gli intagli,prima di posare chiedi al tuo fornitore del cristallo, poi procedi con il silicone

    reply
  • Ciao Simona, anch’io sogno una doccia così, ma mi sembra di avere capito che non è possibile realizzarla nelle ristrutturazioni.
    Il mio desiderio sarebbe quello di sostituirla alla vasca, matrona indiscussa del mio bagno, sarebbe possibile?
    grazie Vale
    Per Valentina, basta comprare una Canalina di Scarico Doccia posarla, dopo fare un massetto in pendenza a farlo rimanere sotto il filo della canalina 3mm, come finitura chiamare una ditta che esegue le resine, le quali si possono avere in qualsiasi colore, anzi con qualcuno in gamba potreste fare voi la mano finale con dentro i Glitter ( le polveri colorate, Oro, Argento , e via dicendo ) per le pareti un bel spatolato con una finitura opaca sempre come fondo la base del pavimento, senza giunti e quanto altro crea problemi con infiltrazioni d’acqua.

    reply
  • Graziella

    Buon giorno a tutti chiedo un consiglio sto optando per una doccia a filo pavimento con mattonelle ….naturalmente per fare la giusta inclinazione dovranno tagliare le mattonelle , che variano con le misura 60×60 o 30×60 , ma dopo con tutto questo stucco nel pavimento ,perche ovviamente si avra vari pezzi incollati tra di loro e di conseguenza ci sara lo stucvo non è che col tempo faccia la muffa ?

    reply
  • piero

    Buongiorno Valentina vorrei realizzare una doccia filopavimento … aperta : per la verità sui due lati corti (70 cm) ho un muro e un vetro, mentre sul lato lungo (90 cm quello da dove si entra) vorrei una semplice tendina.
    Corro il rischio di allagare tutto ? c’è qualche accorgimento che posso prendere, per esempio nel montaggio della tenda ?
    Non vorrei dover “spatolare” l’acqua in eccesso verso lo scarico ad ogni fine doccia

    reply
  • Francesca

    Buonasera, curiosità : ma al posto del cristallo non è possibile avere qualcosa di infrangibile? Ho una bimba che camminera’ breve e vorrei evitare scene alla shining!

    reply
  • bagnante

    meno è meglio. in più va aggiunta la velocità per pulire e igienizzare il bagno… meno detersivi, meno inquinanti, meno costi per tutta la vita utile, più tempo eventualmente a usarlo il bagno e godere l’esistenza. Secondo me è interessante anche il concetto di bagno minimo in cui la doccia si può trasformare in WC vaso alla turca sollevando una piastra ne ho visto un solo esempio in inox… un punto acqua calda e fredda per il saliscendi della doccia (che funge anche da sciacquone della Turca) e un solo tubo di scarico. I lavandini piccoli sono sbagliati, secondo me, dovrebbero essere concepiti, specie negli appartamenti come servizi multifunzionali tipo il lavatoio dolomite lago, ci si può lavare cose come stivali scarpe ecc, ma ci si può lavare bene il capo e i capelli e nel l’occorrenza diventano vasca da bagno per bimbi e animali domestici senza nemmeno necessità di forare i muri per il portasaponetta… servirebbe più coraggio industriale nell’esortare la gente a scegliere cose che tradotte nell’uso quotidiano rappresentano un vero progresso materiale e un miglioramento della vita non sviluppo, paranoia e stile, non ridondanza assurda che si traduce in mutui infiniti.

    reply
  • Loredana

    sapete dirmi qualcosa sull’impermeabilità dell’acqua di una canaletta doccia?

    reply
  • Eva

    Buongiorno, vorrei realizzare la doccia filopavimento 80×135 con le mattonelle in continuità con il pavimento del bagno. Sono preoccupata della scelta delle mattonelle, in particolare per il fatto di avere una doccia scivolosa. Quali sono i dati tecnici e le caratteristiche che la mattonella deve avere per garantire l’antiscivolo? Grazie in anticipo di un vostro supporto.

    reply
      • Eva

        Simona,
        Grazie. Ho scelto le mattonelle verificando le norme DIN che mi hai indicato. Ora ho il problema con la posa : il piastrellista emi dice che sarà antiestitico per per del cuneo che si crea per la pendenza e avrò delle mattonelle tagliate a cuneo sul muro verticale. Ti risulta? Non c’ Un altro metodo di posa?

        reply

Post a Comment