HO SCRITTO UN E-BOOK
Newsletter
TOP
bagno in stile giapponese

Cosa ruberei ad un bagno giapponese

La cultura giapponese del bagno mi affascina da tempo, sin da quando, anni fa, scoprii della tradizione dell’ofuro e iniziai a collezionare immagini di bagni giapponesi. Dopo aver riassunto gli elementi tipici di un bagno giapponese in questo post vi rivelo cosa ruberei a questi interni e come arrederei un bagno in stile giapponese.
 

La stanza da bagno giapponese

 

bagno in stile giapponese

Cosa ruberei ad un bagno giapponese? La doccia aperta sulla vasca da bagno – unknown source / ph. via Pinterest

 
bagno in stile giapponese

Cosa ruberei ad un bagno giapponese? La doccia aperta sulla vasca da bagno | Yamagata, hotel Ginzan Onsen Fujiya by Kengo Kuma – ph.  source: Archiportale

 
Ricreare nelle nostre case un vero e proprio bagno giapponese sarebbe impensabile, o quanto meno singolare. Questo perché, per ragioni che affondano nella loro splendida cultura, in Giappone la stanza da bagno è concepita in modo completamente differente dalla nostra.

  • Il water (nella maggior parte dei casi è più corretto parlare di washlet, ossia un combinato tecnologico di wc con differenti funzioni quali bidet, asciugatura, perfino musica per coprire i rumori e diffusione essenze per coprire gli odori – i giapponesi quando fanno le cose le fanno per bene): è posizionato in un ambiente a sé, perché i giapponesi ci tengono all’igiene assoluta, e ritengono che il wc debba stare separato dal resto. Sulla passione (mania) dei giapponesi per la pulizia ho perfino letto un libro interessantissimo (Toilet cleaning management)!
  • il bidet dunque non esiste.
  • Il lavabo: in genere è un semplice lavamani che fa da anticamera alla “restroom”, all’area relax, alla zona regina di tutto il concetto di stanza da bagno giapponese (segue).
  • La zona dedicata alla vasca da bagno (e doccia). Metto doccia tra parentesi perché qui potremmo iniziare un poema. Quando si parla di farsi il bagno i giapponesi fanno sul serio, per loro è un’istituzione vera e propria, una tradizione millenaria (l’ofuro di cui parlavo prima e che si va potete approfondire leggendo un vecchio post). In genere questa zona è grande quanto un nostro bagno e prevede una vasca da bagno – in legno per tradizione ma nei bagni moderni non è escluso che sia un arredo di design – e un’area per farsi la doccia, rigorosamente prima di immergersi in vasca. Spesso per separare questa grande zona relax c’è un vetro fisso più o meno grande a seconda dell’ambiente.

 
 

bagno in stile giapponese

Abitazione privata: vedete in questo caso il lavabo esterno e un ambiente separato in cui il vetro chiude una zona adibita per il relax, con doccia aperta e vasca da bagno | Hiratsuka City, Japan – design by Far East Design Lab. –  ph. source Design Milk

 
bagno in stile giapponese

Vasca da bagno (coperta) e doccia aperta per questo bagno di un’abitazione privata a Tokyo – design by RCK Design | Ph- source Trendir

Un po’ difficile quindi concepire i nostri bagni in questo modo, dovremmo ripensare il modo di progettare tutta la casa. Interessante, ad ogni modo, sbirciare in queste case e scoprire, partendo dalla stanza da bagno, culture e abitudini lontane dal nostro modo di pensare. Tralasciando dunque alcuni aspetti, cosa ruberei davvero a questi bagni giapponesi riadattando il concetto agli interni occidentali?
bagno in stile giapponese

Progetto di interni di un’abitazione giapponese. Notare la distribuzione degli elementi che da noi è in un unico ambiente. Design Sinato Architecture

 

Cosa ruberei quindi? La doccia aperta!

Ebbene sì, ciò che più mi affascina è l’ampia zona doccia e vasca che nei bagni giapponesi è costituita da una vasca freestanding, una colonna doccia esterna (vicina alla vasca), talvolta separata dal resto del bagno da un vetro fisso.
Chiaro. La doccia aperta ha i suoi pro e i suoi contro, va amata incondizionatamente. E va inserita in un bagno di dimensioni molto generose. O forse si tratta di abituarsi all’idea che qualche goccia d’acqua in giro non è poi la fine del mondo (io la preferisco a guarnizioni annerite, binari sporchi e impossibili da pulire, ecc ecc…)

bagno in stile giapponese

Cosa ruberei ad un bagno giapponese? La doccia aperta sulla vasca da bagno – credits

bagno in stile giapponese

Un bagno in stile giapponese… a Phoenix! In realtà in questo caso l’unica similitudine è proprio il fatto di avere un’ampia zona doccia con vasca, separate da un vetro fisso aperto. Ph. source DWELL

Una doccia aperta, in pure stile giapponese

Se anche a voi non dispiace l’idea di lasciare aperta la zona doccia e creare un bagno in stile giapponese, considerate che dovrebbero almeno esserci questi elementi:

  • il piatto doccia è incassato a filo pavimento e piastrellato, con canalina di scarico per lo scolo dell’acqua;
  • la colonna doccia è esterna alla vasca, sopra la canalina ovviamente
  • la vasca è appoggiata a muro o freestanding a seconda degli spazi; in legno sarebbe perfetta!
  • il vetro fisso, che se nei bagni giapponesi a volte manca, perché lavabo e sanitari sono altrove, nel nostro caso sarebbe un elemento obbligatorio per dividere l’ambiente e proteggere il più possibile dagli schizzi. Un esempio?

 

Il separè Materia by Megius

Vetro fisso per doccia Separè by Megius

Materia by Megius è il vetro perfetto per il bagno in stile giapponese: la cover della barra di supporto è disponibile su richiesta con lo stesso legno scelto per il progetto d’arredo bagno. Il vetro fisso è realizzabile ovviamente a misura.

Il vetro fisso ideale per il bagno in stile giapponese. Perché?

Perché ve lo suggerisco? Perché il legno è una delle finiture protagoniste del bagno in stile giapponese, e con Materia è possibile abbinare perfino la barra di supporto. La cover della barra infatti è personalizzabile: è disponibile di serie in varie finiture (jeans, alluminio, pelle, teak e minx – un tipo di resina) ma è personalizzabile perfino nella finitura del legno, basterà mandare un campione dell’essenza utilizzata nel progetto d’arredo. I dettagli sono essenziali in un progetto d’arredo che si ispira al rigore e alla cultura giapponesi.
 

bagno in stile giapponese

Un bagno in stile giapponese con un separè doccia made in Italy: Materia by Megius (in foto la versione per piatto doccia ma il modello è realizzabile su misura.

Potete approfondire sulla pagina dedicata alla collezione, che non include solo vetri fissi >> Materia by Megius

 

bagno in stile giapponese

Un bagno in stile giapponese, con doccia e vasca separate da un vetro fisso – ph. credits Newzealanddesignblog.com

 
bagno in stile giapponese

Un bagno in stile giapponese: il vetro fisso separa la zona doccia/vasca dal resto del bagno.
Ph. source Interiorsaddict.com

Pattern e decor per un bagno in stile giapponese

Al di là della divisione degli spazi e della collocazione degli elementi d’arredo e dei sanitari, se lo stile giapponese rientra nelle vostre corde, ci sono altri piccoli accorgimenti per creare un ambiente assolutamente zen e orientale.

  • il legno naturale: sì, dovrebbe essere il protagonista del progetto d’arredo.
  • Spugne e biancheria: a quanto pare i giapponesi ci tengono parecchio, e tempo fa scrissi perfino un post su una collezione di asciugamani giapponesi.
  • Pattern: per i rivestimenti potreste optare per piastrelle con pattern orientaleggiante, come quelli qui sotto (di Made a Mano, marchio che adoro).
  • vapore: ok, sto scherzando. Ma il bagno giapponese è caldo, caldissimo. Praticamente dovete lessarvi in vasca da bagno ;-p

 

bagno in stile giapponese

Un bagno in stile giapponese: vasca da bagno in legno, piastrelle con pattern giapponese (in foto la collezione stupenda di Made a Mano – a sx, in alto e in basso) || Ph. credits 1 – 2- 3 (per i tre bagni).

 ♦

In collaborazione con Megius©

Mi sono sempre occupata di arredo bagno, passando dalla produzione di box doccia alla gestione di uno showroom. Oggi per lavoro scrivo, di arredo bagno e non solo, su questo e altri blog di interni. Radici napoletane, occhi da orientale e un posto nel mondo da trovare.

Post a Comment